All Posts By

Jasmine Di Benedetto

Blog

Morning Routine Consapevole

Ricordati di essere te stesso!

Ogni mattina appena sveglio prendi il taccuino che hai sul comodino e scrivi di getto tre fogli di un quaderno per ripulire la mente da tutto quello che non ti serve, che ti limita. 

Scrivi di getto e senza giudizio.

Poi alzati va al bagno e rimetti in moto il tuo corpo, va in cucina e bevi dell’acqua con limone oppure un bicchiere con Kombutcha o un bicchiere d’acqua con aloe.

Creati uno spazio intimo, accendi incenso e candela, se vuoi, usa un tappetino yoga per sederti e mettiti comodo usando i cuscini e copriti con una copertina.

Chiudi gli occhi ed in inizia a respirare con calma, consapevolezza portando l’attenzione sul respiro.

Appena ti senti centrato e riesci a riportare l’attenzione al respiro (staccando l’attenzione dalla mente che ti distrae con pensieri, immagini e suoni) ripeti dentro di te delle affermazioni positive come  POSSIEDO IN ME TUTTE LE RISORSE PER AFFRONTARE AL MEGLIO LA GIORNATA.

Pratica degli esercizi di allungamento e risveglio del corpo, fa dei movimenti lenti e consapevoli per attivarti.

Se sei Yogi pratica se non lo sei inizia!!

Altrimenti fa semplicemente stretching.

Fa colazione dopo aver tenuto il tuo stomaco vuoto per un minimo di 12 ore e dopo aver nutrito consapevolmente il tuo corpo cioé ascoltando le sue esigenze su quanto e cosa voler mangiare, nutri la tua coscienza con la lettura di alcune poesie.

Inizia la giornata con la consapevolezza che sei tu il creatore della tua vita e che più allinei la mente al sentire del cuore più sarai sereno ed in armonia con la vita.

#medicinanaturale, Benessere, Consapevolezza, Meditazione, Mindfulness, Prevenzione, Salute

Niente PIú acne

Ho sofferto per anni di problemi alla pelle, che é il più grande organo del nostro corpo e funge da barriera protettiva, ma non solo dagli agenti patogeni, anche dal mondo esterno come relazioni, situazioni, giudizi e prevaricazioni.

Quando ho iniziato a lavorare come operatrice olistica, operatrice Bars Access Cosciousness, con la medicina alternativa, come istruttrice Mindfulness e Life coach quello che notavo era che se mi sentivo non a mio agio in un contesto la mia pelle me lo raccontava con un foruncolo. 

Se mi facevo assorbire mi usciva un brufolo, insomma se mi arrabbiavo compariva sul mio viso un accesso di rabbia, un bozzo che mi ricordava in questo modo cosa avevo “abbozzato”. La sua funzione era di mettere in luce quello che stavo facendo a me, privandomi della llibertá di scegliere per il mio bene e accettando situazioni per senso di dovere. In fondo accadeva da sempre nella vita di tutti i giorni, solamente che da quando avevo iniziato a lavorare con la consapevolezza avevo gli strumenti per vedere, per ascoltarmi e smetterla di mentirmi.

Ogni volta che dicevo sí agli altri e no a me stessa, introducevo cibi e bevande che dovevano riempirmi del vuoto energetico. Quella energia andava dispersa altrove a nutrire i sogni degli altri e non diretta a realizzare i miei obiettivi, perché ero mossa da un senso di dovere-colpa, tipico delle “crocerossine”. Il mio stile di vita tracollava nel baratro e non per piacere dell’esperienza, ma per consolarmi con quella che é una sorta di gestione scorretta delle emozioni.

Piú studiavo, lavoravo e mi specializzavo, piú imparavo a leggere il corpo ed i suoi segnali. 

I sintomi-sensazioni fisiche, prima di fondersi in un insieme e diventare una patologia, sono dei messaggi che si manifestano sul corpo e vanno letti come allarmi che ci indicano dov’é lo squilibrio. Possiamo individuare sul corpo 7 centri energetici-emozionali che corrispondono ad organi specifici localizzati in quell’area, lí si va a manifestare l’emozione sotto forma di sensazione fisica, ma l’emozione é una sorta di scoria prodotta dal pensiero che in modo intrusivo si infila ripetutamente nella mente.

Cosí attraverso la meditazione ho ripulito la mente dai programmi-virus mentali che mi impedivano tante cose, mi avevano creato questa maschera sul volto che mi ricordava che mi stavo dimenticando di me e dei miei sogni e accompagnata dal mio counselor Alessandro Karbon sono scesa ancora piú in profonditá per liberarmi di blocchi profondi.

I miei sogni erano aiutare gli altri come continuo a fare, ma soprattutto tornare quello che ero: un’artista e permettermi come coscienza di esprimermi libera.

Mancava ancora qualcosa, mancava coccolare il corpo e cosí accarezzata dai massaggi di Maria Rosaria Leombruno, riequilibrata nell’omeostasi da Manuela Di Vito, guidata nell’Hatha Yoga da Simona Pace, riabilitata in dei traumi dai metodi di Lisa Vinci sono andata avanti nel capire che il mio corpo chiedeva amore, vitalitá e movimento. Vengo dalla danza, era ovvio che dovessi tornare a farlo muovere.

Avevo ripulito e nutrito in modo sano la mente e la coscienza ed ero passata al corpo, consapevole che il benessere riguarda tutte le parti e non si puó privilegiare una sola e cosí guidata dal mio compagno Chef Angelo Rosso e dal Nutrizionista Davide Campioni ho imparato la preparazione e la nutrizione sana ed equilibrata.

Dopo tutto questo percorso in cui ho avuto l’accompagnamento di professionisti nel momento del bisogno, ho potuto creare una morning routine con cui accompagnarti per prenderti cura di te consapevolmente, con leggerezza e serenità.

Da aggiungere a quello che normalmente fai come skincare, massaggi, nutrizione sana, sport..

La morning routine consapevole e’

Meditazione, movimento, colazione equilibrata, integratori naturali.

Contattami al +39 3923391113 e creeremo una tua morning routine con i miei servizi e prodotti di integrazione alla nutrizione sana.

dott.ssa Jasmine Di Benedetto

Blog

DESIDERARE E AGIRE

Pixabay

Desiderare è compiere un atto di ascolto del cuore e far arrivare sino alla mente, senza filtrare con le preoccupazioni, l’informazione pura, il desiderio.

Spesso la mente tarpa, nasconde e giudica il desiderio inopportuno, sciocco, irrealizzabile e lo uccide.

Mentre a desiderare è l’anima che non conosce limiti, ma ha solamente desiderio di sperimentare ricorrendo a fantasia e speranza.

Per non far morire il desiderio occorre mettersi al servizio del saggio sapere del cuore, accogliere l’informazione e agire trasformandolo in obiettivo da realizzare.

Questo è quello che ho imparato sul desiderio.

Jasmine Di Benedetto

“La riproduzione di informazioni e notizie è lecita purché non sia effettuata con l’impiego di atti contrari agli usi onesti in materia giornalistica e purché se ne citi la fonte.” 

Art. 101 comma 1 della legge 633/41 sulla protezione del diritto d’autore.

Blog

LIBERTA’

Pixabay

Libertà: parola, concetto, essenza.

La Libertà è spesso confusa e, così, inconsapevolmente rifiutata nella sua vera ed intima manifestazione.

La Libertà è vivere così come si è, senza paura del giudizio, senza limitarsi per reputazione, senza accontentarsi per accontentare.

La Libertà esula da ogni baratto e compromesso.

Non c’è niente che possa valere quanto la Libertà per essere scambiata, solo la Vita che è Libertà essa stessa.

La Libertà ha un valore che non è misurabile.

La Liberta è infinitezza.

La Libertà nella sua natura profonda è destrutturante, pervasiva, è Amore che distrugge tutto quello che Libertà non è.

La Libertà è il più grande desiderio dell’essere umano e la sua più grande paura.

Questo è quanto ho imparato sulla Libertà.

Jasmine Di Benedetto

“La riproduzione di informazioni e notizie è lecita purché non sia effettuata con l’impiego di atti contrari agli usi onesti in materia giornalistica e purché se ne citi la fonte.” 

Art. 101 comma 1 della legge 633/41 sulla protezione del diritto d’autore.

Blog

il potere delle parole

Immagine Pixabay

Le parole creano,

le parole distruggono anche.

Suoni carichi di potere, di energia sono il risultato di pensieri ingarbugliati e scuri o lineari e chiari.

Parole come pugni o parole come carezze.

Parole scortesi o parole gentili.

Pensa chiaramente e parla delicatamente.

Prima di parlare pensa e prima di pensare centrati, raccogli pensieri illuminati e guidati dal cuore.

Questo è quanto ho imparato!

Jasmine Di Benedetto

“La riproduzione di informazioni e notizie è lecita purché non sia effettuata con l’impiego di atti contrari agli usi onesti in materia giornalistica e purché se ne citi la fonte.” 

Art. 101 comma 1 della legge 633/41 sulla protezione del diritto d’autore.

Blog

SCELTA E DESTINO

PIXABAY

Scelta: la vedo come un atto coraggioso di amore e libertà, che successivamente diventa un atto spontaneo e naturale, un essere nel flow.

Destino: lo vedo come uno schema, un concetto, una zona comfort, un atto di rinuncia. Abbandonarsi alla prevaricazione del fato, ad un deus ex machina che mantiene tutto inalterato e radica la rabbia. Smettere di combattere lasciando campo libero alle sensazioni di ingiustizia a di impotenza, ma sono tutte fondamentalmente condizioni autoindotte, frutto della scelta di non scegliere.

Quanto spesso abbiamo creduto in un ineluttabile destino?

Quanto spesso ci siamo adagiati nel pensiero fatalista cedendo il potere di scelta ad altro fuori da noi?

Non c’è destino che dall’alto ci premia o punisce, non c’è un Dio che giudica, non c’è la Sfiga, c’è la scelta e ci sono leggi fisiche chiamate dalla scienza in un modo e dalle tradizioni culturali in un altro che regolano gli accadimenti.

Quello che semini raccogli.

Se semini vittimismo, predestinazione, impossibilità di scelta, infelicità e non amore che pensi di raccogliere?

Jasmine Di Benedetto

“La riproduzione di informazioni e notizie è lecita purché non sia effettuata con l’impiego di atti contrari agli usi onesti in materia giornalistica e purché se ne citi la fonte.” 

Art. 101 comma 1 della legge 633/41 sulla protezione del diritto d’autore.

Blog

EMPATIA

PIXABAY

Ascolta prima di parlare.

Metti a tacere la voce della mente che pensa a cosa dire, a cosa rispondere e collegati con il cuore.

Senti così l’altro.

Apriti a ricevere, ascolta i suoi sentimenti, i suoi dolori, il suo non detto.

Non arroccarti nell’arroganza per proteggerti da qualcosa che potrebbe scuoterti.

Il saggio è umile, è radicato alla terra e connesso al cielo, è seduto affianco e tiene per mano.

Nessuno è sopra, nessuno è sotto sul pianeta tra gli esseri umani.

Non dire cosa deve essere giusto e cosa deve essere sbagliato.

Non dire come ci si deve sentire e come non ci si deve sentire.

Non dire cosa si deve fare e cosa non si deve fare.

Ricorda solamente che si può scegliere, solo se tu per primo hai scelto di farlo.

Non puntare il dito.

Stai fermo immobile ed apri il cuore al bene e al male, al dolore e all’amore.

Stai con quello che c’è, così com’è.

Lascia che tutto scorra attraverso di te.

Sii comprensione, sii solamente presente, il resto farà la vita attraverso di te.

Questa è per me l’Empatia.

Jasmine Di Benedetto

“La riproduzione di informazioni e notizie è lecita purché non sia effettuata con l’impiego di atti contrari agli usi onesti in materia giornalistica e purché se ne citi la fonte.” 

Art. 101 comma 1 della legge 633/41 sulla protezione del diritto d’autore.

Blog

semina

Qualsiasi “cosa” vuoi che duri, coltivala.

Trattala come un seme: piantala, nutrila, sii gentile ed amorevole nel prestargli le tue cure quotidiane.

Dagli tutto il tempo necessario per germogliare.

Sii paziente.

Quando uscirà dalla terra sii di sostegno e rinnova ogni momento la scelta di prendertene cura.

Questo è per me l’amore: un seme.

“La riproduzione di informazioni e notizie è lecita purché non sia effettuata con l’impiego di atti contrari agli usi onesti in materia giornalistica e purché se ne citi la fonte.” 

Art. 101 comma 1 della legge 633/41 sulla protezione del diritto d’autore.

Jasmine Di Benedetto

Antropologia della vita quotidiana, arte, Benessere, Blog, Consapevolezza, Meditazione, Mindfulness, Salute

amore che vieni amore che vai

L’amore ha forme leggere dell’essere e del non essere simultaneamente.

Un’assenza apre una fessura nel cuore, tale da lasciar entrare una luce così forte che spazza via tutte le resistenze ed i racconti che il nostro Io ci narra per tenerci al sicuro, in quello che poi sicuro non è, per proteggerci dal dolore, che visto da un’altra prospettiva nemmeno poi così male fa.

L’amore tace, osserva e si muove in silenzio, delicatamente, tra tumulti interiori, guance che arrossiscono e cuori che battono. Tutto accade nella frazione di pochi secondi, quelli del primo incontro ed agisce per mettere tutto in un caos da cui genera il suo ordine cosmico, ah l’amore.

L’amore è una sorta di attivatore di evoluzione, un acceleratore esistenziale che ti spinge verso il meglio di te, per te, con te e con chi è te, perché si sa che quando si parla di Amore quello con la A maiuscola, così grande che sembra una montagna, l’altro è te in un altro corpo arrivato a sostenerti al suo braccio ogni volta che inciampi.

In tempi senza abbracci, senza contatti, senza incontri, in tempi fermi, l’amore per se stessi consente di iniziare a prendersi cura di sè, ascoltarsi, liberarsi da pensieri e schemi che non ci appartengono e scegliere di vivere la propria vita in amore e libertà, così da proiettare fuori tutto il nostro amore.

Jasmine Di Benedetto

“La riproduzione di informazioni e notizie è lecita purché non sia effettuata con l’impiego di atti contrari agli usi onesti in materia giornalistica e purché se ne citi la fonte.” 

Art. 101 comma 1 della legge 633/41 sulla protezione del diritto d’autore.

Blog

un altro mo(n)do è possibile?

Oceano

Sensazionalismo mediatico, psicosi di massa, conflitto, separazione, caccia all’untore, ipocondria, democrazia di facciata, dittatura di sostanza.

Quanto siamo realmente consapevoli di quello che stiamo vivendo?

Quanto stiamo agendo e quanto siamo agiti senza che ce ne rendiamo conto?

Quanto crediamo di vedere e di sapere?

Quanto scegliamo e quanto ci viene fatto scegliere?

Quanto ci facciamo manipolare nella vita, nelle relazioni, nelle emozioni, nelle esperienze, nel lavoro, nel corpo e nella mente?

Solo il cuore sa qual è la verità.

E’ solo la punta dell’iceberg, così come le emozioni sono la punta di un iceberg profondo e radicato nell’inconscio, un’esperienza irrisolta e non osservata, accettata e digerita.

Quel potere di fermarsi, osservare, sentire e scegliere.

Il potere della presenza, del qui ed ora.

Il potere della scelta di iniziare a vivere davvero si inizia ad esercitare quando ci si pone la domanda un altro mo(n)do è possibile?

Jasmine Di Benedetto