arte

Libera-Mente

Progetto artistico: LUCI ED OMBRE POESIA E PITTURA

Ho creato un corso laboratorio Libera-Mente dopo avere passato mesi a dipingere le emozioni ed i pensieri di cui ero diventata consapevole grazie alla meditazione.

Quello che intendo divulgare e trasmettere è che scegliendo di vedere la meditazione come un’arte che la persona apprende e utilizza per ripulire il cervello da credenze limitanti, paure, giudizi ed aspettative, quello che accade è che si prende coscienza che l’essere umano si libera.

L’essere umano è un aggregato olistico di mente, corpo e coscienza, parti che cooperano e funzionano insieme per consentirci di fare l’esperienza della vita.

La mente esegue delle funzioni per consentire al corpo abitato dalla coscienza di fare esperienza e da questa semplice spiegazione capiamo che siamo tutti uguali, indipendentemente da colori della pelle, lingue e culture, ma la bellezza di ognuno di noi è data dall’unicità specifica di ogni singolo essere vivente, che compie le cose a suo modo, che vive a suo modo, che si esprime a suo modo.

Il modo di vivere che possiamo avere davvero e non sognarlo solamente, è un modo libero, una liber-azione compiuta libera-mente, possiamo essere liberi di vivere senza più essere costretti in automatismi, reazioni automatiche, dipendenze, abitudini.

Liberi esseri unici che fanno libera esperienza di libera vita!

Che vuol dire tutto questo?

Che se meditando entriamo a conoscenza del corpo, delle emozioni che si manifestano su di esso prodotte dai pensieri, impariamo a conoscerci, ascoltarci e scoprire quello che siamo senza più preoccuparci di che parte dobbiamo recitare per essere accettati e riconosciuti.

L’essere umano soffre se non appartiene ad un gruppo perché non si sente riconosciuto, ma in realtà ambisce solamente ad essere riconosciuto da se stesso.

Così che fa il suo Ego (funzione della mente) per proteggerlo dalla sofferenza?

Gli fa indossare delle maschere per proteggersi sia dal riaprirsi di ferite che lo hanno fatto stare male a seguito di un‘ esperienza, sia per fare parte del branco, ma questo castrare la libera espressione di se stessi causa la sofferenza che è diversa dal dolore.

Il dolore si prova nel momento presente e se vissuto a pieno genera catarsi, evoluzione, crescita perché ognuno di noi è un potenziale artista e lo può rendere nella materia, come ti chiederai.

Con l’arte, ricontattando i talenti inespressi che si celano dietro quella maschera che abbiamo messo su come uno scudo!

Se una persona sente il rifiuto da parte degli altri metterà su la maschera dell’evitante, cioè scapperà per non essere nuovamente rifiutata, ma è lì che subentra la magia, l’alchimia delle ombre in luce, del dolore in creazione. È lì che l’evitante invece di scappare deve stare e sentire tutta la paura che lo travolge, stare vuol dire tuffarsi nel dolore e creare con le mani, dipingendo, suonando, disegnando, cucendo, cucinando, facendo giardinaggio…

Creare con le mani vuol dire toccare, vuol dire stare!

Questo è un esempio, ma ogni ferita che l’ego percepisce (rifiuto, abbandono, tradimento, ingiustizia, umiliazione) lo porta ad assumere di default e preventivamente un comportamento-atteggiamento per proteggere la mente da sentire lo stesso dolore e così sarà evitante, dipendente, controllore, rigido, masochista. Possono diventare patologici e quindi disturbi, per questo è importante portarli alla luce e diventare consapevoli di questi schemi maladattativi di sopravvivenza egoica.

Possiamo guarirci dalla sofferenza diventando consapevoli della sua esistenza, ammettendolo a noi stessi!

La sofferenza è diversa dal dolore.

Il dolore sta là, si vive sul momento, come quando sbattiamo la testa ad una mensola, la sofferenza è quel dolore non vissuto che l’ego ci ha censurato dal provarlo e che portiamo dietro latente con noi e che sommato a tutti gli altri dolori diventa sofferenza.

La sofferenza è come uno zaino di pietre che pietra dopo pietra, dolore dopo dolore, diventa sempre più pesante da portare e sopportare.

È qui che subentra la mia visione di meditazione come arte di autoconoscenza, autoguarigione, libera espressione e liber-azione dalla gabbia della mente e strada per essere se stessi.

Jasmine Di Benedetto

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply