Monthly Archives:

Gennaio 2020

arte

Libera-Mente

Progetto artistico: LUCI ED OMBRE POESIA E PITTURA

Ho creato un corso laboratorio Libera-Mente dopo avere passato mesi a dipingere le emozioni ed i pensieri di cui ero diventata consapevole grazie alla meditazione.

Quello che intendo divulgare e trasmettere è che scegliendo di vedere la meditazione come un’arte che la persona apprende e utilizza per ripulire il cervello da credenze limitanti, paure, giudizi ed aspettative, quello che accade è che si prende coscienza che l’essere umano si libera.

L’essere umano è un aggregato olistico di mente, corpo e coscienza, parti che cooperano e funzionano insieme per consentirci di fare l’esperienza della vita.

La mente esegue delle funzioni per consentire al corpo abitato dalla coscienza di fare esperienza e da questa semplice spiegazione capiamo che siamo tutti uguali, indipendentemente da colori della pelle, lingue e culture, ma la bellezza di ognuno di noi è data dall’unicità specifica di ogni singolo essere vivente, che compie le cose a suo modo, che vive a suo modo, che si esprime a suo modo.

Il modo di vivere che possiamo avere davvero e non sognarlo solamente, è un modo libero, una liber-azione compiuta libera-mente, possiamo essere liberi di vivere senza più essere costretti in automatismi, reazioni automatiche, dipendenze, abitudini.

Liberi esseri unici che fanno libera esperienza di libera vita!

Che vuol dire tutto questo?

Che se meditando entriamo a conoscenza del corpo, delle emozioni che si manifestano su di esso prodotte dai pensieri, impariamo a conoscerci, ascoltarci e scoprire quello che siamo senza più preoccuparci di che parte dobbiamo recitare per essere accettati e riconosciuti.

L’essere umano soffre se non appartiene ad un gruppo perché non si sente riconosciuto, ma in realtà ambisce solamente ad essere riconosciuto da se stesso.

Così che fa il suo Ego (funzione della mente) per proteggerlo dalla sofferenza?

Gli fa indossare delle maschere per proteggersi sia dal riaprirsi di ferite che lo hanno fatto stare male a seguito di un‘ esperienza, sia per fare parte del branco, ma questo castrare la libera espressione di se stessi causa la sofferenza che è diversa dal dolore.

Il dolore si prova nel momento presente e se vissuto a pieno genera catarsi, evoluzione, crescita perché ognuno di noi è un potenziale artista e lo può rendere nella materia, come ti chiederai.

Con l’arte, ricontattando i talenti inespressi che si celano dietro quella maschera che abbiamo messo su come uno scudo!

Se una persona sente il rifiuto da parte degli altri metterà su la maschera dell’evitante, cioè scapperà per non essere nuovamente rifiutata, ma è lì che subentra la magia, l’alchimia delle ombre in luce, del dolore in creazione. È lì che l’evitante invece di scappare deve stare e sentire tutta la paura che lo travolge, stare vuol dire tuffarsi nel dolore e creare con le mani, dipingendo, suonando, disegnando, cucendo, cucinando, facendo giardinaggio…

Creare con le mani vuol dire toccare, vuol dire stare!

Questo è un esempio, ma ogni ferita che l’ego percepisce (rifiuto, abbandono, tradimento, ingiustizia, umiliazione) lo porta ad assumere di default e preventivamente un comportamento-atteggiamento per proteggere la mente da sentire lo stesso dolore e così sarà evitante, dipendente, controllore, rigido, masochista. Possono diventare patologici e quindi disturbi, per questo è importante portarli alla luce e diventare consapevoli di questi schemi maladattativi di sopravvivenza egoica.

Possiamo guarirci dalla sofferenza diventando consapevoli della sua esistenza, ammettendolo a noi stessi!

La sofferenza è diversa dal dolore.

Il dolore sta là, si vive sul momento, come quando sbattiamo la testa ad una mensola, la sofferenza è quel dolore non vissuto che l’ego ci ha censurato dal provarlo e che portiamo dietro latente con noi e che sommato a tutti gli altri dolori diventa sofferenza.

La sofferenza è come uno zaino di pietre che pietra dopo pietra, dolore dopo dolore, diventa sempre più pesante da portare e sopportare.

È qui che subentra la mia visione di meditazione come arte di autoconoscenza, autoguarigione, libera espressione e liber-azione dalla gabbia della mente e strada per essere se stessi.

Jasmine Di Benedetto

Antropologia medica, Benessere, Consapevolezza, Meditazione, Mindfulness, Prevenzione, Salute

Meditazione Mindfulness: la meditazione della consapevolezza

Il tuo potere è nell’adesso

Ogni giorno ci troviamo sopraffatti da impegni, situazioni, incontri, scadenze, lavoro, relazioni e tutto questo correre ci allontana dal momento presente che è quello in cui si svolge la vita.

Il nostro cervello ha infatti ereditato dai nostri avi delle memorie che ci hanno consentito di salvarci fuggendo o combattendo in caso di: aggressioni di animali, incendi ed altre situazioni in cui la nostra vita era in pericolo. Sono nate delle reazioni automatiche, delle abitudini (sinapsi: collegamento tra neuroni) che ci consentono di sopravvivere ma il nostro cervello si è andato sempre più sviluppando e così con la corteccia prefrontale la mente, dotata per sua natura della capacità di spostarsi avanti nel futuro per prevedere le situazioni che possono accadere e indietro nel passato per tentare di modificare quelle negative o rivivere le positive ha fatto sì che quei sistemi utili a salvarci la vita si siano trasformati in strumenti che se trasformano i pensieri del passato e del futuro in intrusivi, generano depressione ed ansia perché il nostro corpo reagisce attivando delle risposte fisiologiche sul corpo anche solo nel caso di pensieri, infatti non scinde il reale dall’immaginario.

Lo stesso stress, diventato malattia moderna, è dettato da come noi reagiamo a qualsiasi evento della vita, per questo l’evento scatenante varia in base alla persona e l’importanza della meditazione Mindfulness dipende dalla capacità di disidentificarci dai pensieri ansiosi o depressivi e tornare al momento presente.

Ascoltando i segnali che il corpo ci da come sintomi che sono micro-narrazioni di quello che si muove dentro la nostra mente a livello inconscio e che si esprime sul corpo come se fosse una pagina bianca, una tela, possiamo portare alla luce ciò che ci angoscia diventandone consapevoli e liberandocene, andando a prevenire l’insorgere di patologie o a sostenere la medicina ufficiale durante il percorso di cura.

La parola inglese mindfulness tradotta significa consapevolezza e la definizione più calzante è quella di Jon Kabat-Zinn (padre del protocollo MBSR riduzione dello stress mindful-based ossia basato sulla consapevolezza)

La MINDFULNESS è prestare attenzione con intenzione, al momento presente e in maniera non giudicante.

I benefici della meditazione mindfulness:

La letteratura scientifica ha prodotto tanti articoli che attestano i benefici della meditazione Mindfulness sia da un punto di vista fisiologico, neurologico, comportamentale ed esistenziale infatti

Permette di gestire:

depressione, stress, paura, ansia e disagio

il dolore fisico e i dolori cronici.

Calma la mente, migliora la memoria e aumenta la concentrazione.

Combatte l’insorgenza di malattie neurodegenerative e la diminuzione della materia grigia.

Esalta la creatività e permette la riscoperta della propria unicità e dei propri talenti.

 Per ottenere i benefici della meditazione mindfulness, infatti, dovrai praticare sempre con costanza ma per migliorare la qualità della tua vita la soluzione è dentro di te e solo qui e ora.

arte

L’arte nella meditazione

Viviamo in una realtà prodotta dalla mente che immaginando crea pensieri, situazioni, che vanno a determinare le esperienze della vita e ad esse ci approcciamo attraverso il corpo, che è sia strumento di conoscenza, sia un tempio che va onorato e rispettato. Possiamo immaginarlo come una tela su cui si esprime l’inconscio, la parte di noi che non è illuminata dalla consapevolezza-coscienza e che si manifesta con i sintomi, ossia micro-narrazioni, con cui racconta quello che si agita nel nostro mondo interiore, in modo tale da farcene diventare consapevoli e consentirci di compiere un’azione con l’obiettivo di migliorarci ed evolvere. Come esseri umani siamo tutti uguali perché siamo alla ricerca della pace interiore e della liberazione dalla sofferenza, così ogni volta che le cose non vanno come vorremmo o cambiano sorge in noi la non accettazione poiché vorremmo controllarle. Mentre la cosa per noi giovevole è accettarle attivamente, cioè riconoscere che come sono ci turbano e che, se vinciamo ogni resistenza al cambiamento e agiamo secondo coscienza, possiamo diventare il mondo che vogliamo. Questo è l’artista, chi manifesta nel mondo di fuori una sofferenza che condivide con gli altri e se ne libera con un atto creativo, che è catartico e può avere varie forme, perché tutto è arte, quando è il prodotto di una ricerca che diventa libera manifestazione della propria unicità attraverso i risvegliati talenti. Per arrivare a rendere nella forma artistica quello che dentro di me si muoveva, ho iniziato a studiare il corpo attraverso la danza dall’età di 5 anni e successivamente ho iniziato a scavare dentro di me, affrontando dei percorsi di ricerca interiore. Sono diventata operatore olistico ed a livello accademico mi sono formata come Istruttore Meditazione Mindfulness. Ho studiato l’essere umano in svariati modi, tempi e culture e così mi sono ri-conosciuta e sono arrivata a comprendere che la stessa vita è un’arte ed ogni vita, ogni azione è un’opera unica, ogni essere umano è un artista che ha una sorta di dovere di condivisione delle scoperte e delle consapevolezze, poiché siamo tutti interconnessi ed immersi nel flusso dell’esistenza. Lo strumento che mi ha permesso di ascoltarmi, di lavorare su di me con l’obiettivo di una liber-azione è stata la meditazione, un’arte che consente a chi la pratica di riconoscere e liberarsi dalle gabbie della mente, dalle credenze e dal giudizio e rendere nella materia un nuovo modo di comportarsi, di pensare, di cucinare, di scrivere, di lavorare, di disegnare, di fare, allineato con l’essere. Liberarsi dall’auto-giudizio, dalla negatività, dall’aspettativa prodotti dalla mente ci porta a scegliere di poter vivere un’esistenza migliore ed attingere al talento che si nasconde, in ognuno di noi, dietro ferite. Viviamo credendo di non essere in grado di fare le cose, sabotandoci per paura di provare, di esporci, di essere giudicati, in questo modo ci castriamo e ci impediamo di vivere liberi solo perché un pensiero, privo di consistenza concreta, passa nella nostra mente e ci blocca. Il dolore è il trampolino, è il clic che consente all’artista di diventare alchimista del piombo in oro, dell’ombra in luce, della resistenza in creazione, della paura in amore. Il dolore va vissuto quando si manifesta e va trasformato in evoluzione, perché è un’esperienza inevitabile. La sofferenza invece è una scelta di opposizione al fluire degli eventi, di non vedere e proporre un modo nuovo di fare le cose, di non prendersi la responsabilità verso sé e gli altri di creare.

Dalla ricerca interiore, alla resa nella materia del dolore in forma artistica, passando attraverso la liber-azione delle emozioni: è così nato il progetto LUCI ED OMBRE POESIA E PITTURA “Resa nella materia del mondo interiore: una ricerca sull’esistenza propria e collettiva, una discesa negli abissi della mente, un monologo poetico della coscienza restituito attraverso la pittura.” L’arte è vita, è ricerca, è conoscenza di sè, è auto-guarigione e così ogni artista, ogni creatore, porterà il suo apporto per salvare il mondo.

Jasmine Di Benedetto